Il gruppo di psicologi psicoterapeuti del centro clinico Aletheia fa fede al codice deontologico degli psicologi italiani, ritenendolo non solo un insieme di formule legali ma un’importante linea guida per l’attività clinica.

Al suo interno infatti vengono enunciati principi fondamentali di etica professionale imprescindibili, quali il rispetto della dignità, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro che si avvalgono delle sue prestazioni, ne rispetta opinioni e credenze, astenendosi dall’imporre il suo sistema di valori; non opera discriminazioni in base a religione, etnia, nazionalità, estrazione sociale, stato socio-economico, sesso di appartenenza, orientamento sessuale, disabilità; lo psicologo utilizza metodi e tecniche che salvaguardando tali principi e rifiuta la collaborazione ad iniziative lesive degli stessi; è tenuto a mantenere un livello adeguato di preparazione e aggiornamento professionale; è strettamente tenuto al segreto professionale; non utilizza il proprio ruolo ed i propri strumenti professionali per assicurare a sè o ad altri indebiti vantaggi; costituisce grave violazione deontologica effettuare interventi rivolti a persone con le quali ha intrattenuto o intrattiene relazioni di natura personale, parimenti costituisce grave violazione deontologica instaurare le suddette relazioni nel corso del rapporto professionale; lo psicologo appoggia e sostiene i colleghi che vedano compromessa la loro autonomia ed il rispetto delle norme deontologiche.

 

Per un approfondimento sulle singole norme si rimanda al codice completo.