Al nido Colibrí di Chieri il progetto Ti Aspetto QUI
I genitori potranno prendere in prestito un seggiolino auto per riportare a casa i loro bambini.

Una mamma ingegnere e ingegnosa, un’azienda specializzata nella sicurezza per i bambini, un’Amministrazione Comunale attenta e sensibile e un Asilo Nido parte di una comunità educante; questi gli ingredienti del progetto “Ti aspetto qui”.

Al nido comunale ‘Colibrì’ della Città di Chieri, gestito dalla nostra Cooperativa è stato presentato il 30 maggio 2018 il progetto “Ti aspetto qui”, la nuova iniziativa per la sicurezza dei più piccoli che, grazie alla collaborazione della BRITAX RÖMER, prevede la dotazione di seggiolini auto che gli operatori potranno offrire in prestito gratuito alle famiglie nei casi di necessità occasionale

L’obiettivo è di dare un contributo concreto per la sicurezza dei bambini e supportare e sensibilizzare le famiglie sull’importanza di attuare comportamenti corretti e attenti in ogni momento affinché l’infanzia dei propri bimbi possa essere sempre un periodo sereno e ricco di emozioni positive.

Garantire il corretto trasporto dei bambini in macchina, vitale per la loro sicurezza, non sarà più un affanno per le famiglie dei bimbi dell’asilo nido Colibrì perché con i seggiolini auto di scorta che la  BRITAX RÖMER ha donato al nido i genitori sono sicuri di poter riportare a casa i piccoli anche in quei casi imprevisti quali l’uscita anticipata, cambio di macchina abituale, delega ai nonni o tate, o per un semplice disguido il trasporto del piccolo può divenire un problema.

Il seggiolino offerto in prestito per risolvere il momentaneo contrattempo ritornerà poi al mattino dopo al nido con il rientro del bambino per essere nuovamente a disposizione delle famiglie.

La semplice ma innovativa proposta di una mamma, Ismene Lage Cañellas, è stata immediatamente accolta dalla cooperativa Terzo Tempo Educazione Cultura e Sport e dal Comune di Chieri, che ha già fortemente sostenuto altre campagne di sensibilizzazione sulla sicurezza dei bambini in auto.

L’Asilo nido Comunale “Cucciolo”, infatti, ha già proposto, in passato, iniziative sulla sicurezza stradale con il progetto “Autoallacciami”, svoltosi presso il Nido “Cucciolo” nel corso dell’anno scolastico 2013/14 e che aveva come finalità principale l’educazione, sin dalla primissima infanzia, alle norme di comportamento e sicurezza previste dal codice della strada.

La Cooperativa Terzo Tempo (www.terzotempo.it ) che  dal 2012 gestisce l’asilo nido Colibrì, afferma la Presidente Anna Maria Battista, ha accolto con piacere questa proposta perché in sintonia con il proprio progetto pedagogico che si propone di interessarsi non solo del bambino ma di tutta la sua famiglia. Una struttura pubblica per l’infanzia come il nido è parte di una comunità educante che si preoccupa della cura e della sicurezza dell’infanzia non soltanto nei luoghi ad essa dedicati ma anche nei gesti quotidiani di ogni giorno che possono fare la differenza.

“Il Comune di Chieri è lieto di abbracciare questa iniziativa all’interno dei due asili nido, “Cucciolo” e “Colibrì, in quanto viene offerta un aiuto importante alle famiglie. La possibilità di avere un seggiolino auto in prestito può facilitare l’organizzazione degli imprevisti, garantendo, comunque, la sicurezza dei bambini nei trasporti. Questa iniziativa rappresenta un’iniziativa educativa allargata alla comunità, perchè assicurare i bambini su un seggiolino auto omologato non solo è un obbligo sancito dalla legge, ma soprattutto un importante gesto di protezione nei confronti dei propri bambini.”

I seggiolini, di categoria universale e compatibili con tutte le vetture sono stati forniti gratuitamente da BRITAX RÖMER (www.britax-roemer.com), dal 1966 una delle più importanti aziende internazionali produttrici di seggiolini per auto e di prodotti per la sicurezza dell’infanzia, che ha adottato la proposta dell’ingegnere in sicurezza passiva Ismene Lage Cañellas e scelto di affiancarsi alla Cooperativa e l’Amministrazione Comunale nel progetto.

In occasione della presentazione di questo nuovo servizio gratuito è stata ribadita l’importanza del corretto trasporto in auto dei nostri piccoli, attraverso una spiegazione tecnica breve ma di grande impatto visivo. “Sono convinta che chi non porta i propri bambini correttamente seduti e legati al seggiolino è perché non ha presente la fisica dell’impatto” spiega Ismene Lage Cañellas, la mamma ingegnere che ha proposto l’iniziativa, “viaggiare a 50km/h è energeticamente equivalente a camminare in bilico sul tetto di un palazzo di tre piani, sta a noi farlo in sicurezza”.

Ricordiamo a tal fine l’indagine di AltroConsumo con la quale è stato calcolato che gli incidenti stradali e l’uso scorretto dei seggiolini auto sono la prima causa di morte per i minori tra i 5 e 12 anni. Le statistiche relative all’anno 2015 stimano in 40 i bambini e ragazzi morti sulla strada tra gli 0 e i 14 anni per mancato uso o per uso scorretto di seggiolino.