love
Video diretta Instagram a introduzione del tema a cura delle nostre psicoterapeuta Laura Molinar Roet e Angela Benedicenti

L’Uomo è un essere relazionale, che si forma attraverso la relazione con l’ambiente esterno, di cui l’amore e le sue forme ne sono un esempio.

L’innamoramento in adolescenza assume infatti significato, non tanto di ricerca di una soddisfazione di una pulsione sessuale, ma quanto di ricerca del senso di sé, della propria identità. L’adolescente, spinto da processi di individuazione che sono alla base della domanda “chi sono io?”, si cerca nell’altro e, attraverso una proiezione della propria immagine nel partner, cerca il suo riflesso per osservarlo, interrogarlo e per andare a raggiungere una definizione della propria identità (Erikson).

Le prime esperienze d’amore rappresentano i primi tentativi di allontanamento dalle figure genitoriali, a volte alla ricerca di simili sostituti, talvolta in netto contrasto con la propria famiglia. In questi casi la relazione amorosa assume per l’adolescente il significato di una vera e propria affermazione della libertà acquisita o desiderata, una presa di posizione connotata dal conflitto tra la propria identità, e il retaggio familiare (vedi Romeo e Giulietta).

Alcune cose sono cambiate in questi ultimi anni, la famiglia talvolta ha perso il peso di un tempo.e sembra lasciare correre più facilmente di fronte alle scelte amorose dei figli, altre volte invece opinioni e restrizioni dettano ancora interferenze in questo processo di crescita. Tuttavia spesso sembra che il ruolo svolto un tempo primariamente dal gruppo familiare, sia stato sostituito da quello dei pari, dal gruppo dei coetanei che, con critiche e pareri, va ad assumere un significato preponderale nella scelta del partner amoroso per l’adolescente. Il consenso degli amici diviene fattore centrale in un bisogno di riconoscimento e condivisione di gruppo.  

Il Corona Virus irrompe nelle relazioni d’amore, la quarantena ha scombinato gli equilibri di molte coppie: mettendo a dura prova le coppie che abitano nella stessa casa, forzandoli a condivisione di spazi e tempi in un tempo sempre uguale; mettendo una battuta d’arresto alle relazioni a distanza, tra città diverse; evidenziando la solitudine di chi una relazione la desidera e la ricerca da un po’ o di chi ne ha appena conclusa una. 

E gli adolescenti? Come stanno vivendo questo tempo e spazio di distanziamento sociale? 

Adolescenti abituati e abili nell’uso di tecnologie, che in questo periodo si offrono come fruitori di surrogati incontri tra partner, come si pongono ad affrontare queste relazioni?

E nel futuro come ci si rincontrerà? Dove in che modo? Con che aspettative o quali desideri? 

La famiglia tornerà a far sentire il suo peso in queste relazioni, obbligando a restrizioni e spingendo verso una responsabilizzazione dell’adolescente? 

Un piccolo esercizio per aiutarci a riflettere

Dopo quasi tre mesi di distanziamento la nostra situazione in amore e nelle relazioni forse è cambiata.
Ha subito cambiamenti? Ti sei accort* di cose che non andavano?

Guarda il grafico: dove ti collocheresti?

Scegli e fai un cerchio intorno alle frasi nelle quali ti riconosci e che esprimono come ti senti in questo momento, se fai i conti con l’amore.

Inizia la lettura da sinistra se sei single o da destra se sei in coppia.
Segna e guarda, verso quale polo tende la tua relazione d’amore in questo periodo?
Puoi segnarne più di una, perché l’amore è un sentimento complesso ed è normale aver sentito tante cose, anche in apparenza contraddittorie.
Prenditi il tempo per recuperare come sei stat*. A volte può essere d’aiuto mettere delle parole intorno a dei sentimenti.

Cosa sentono i ragazzi

Vogliamo condividere ora alcune delle preziose riflessioni sul tema amore che alcuni ragazzi ci hanno inviato all’interno del progetto KickTheQuarantine.

Ne approfittiamo per ringraziarli di aver condiviso con noi i loro pensieri e le loro emozioni. Grazie davvero.

Pubblichiamo di seguito la video pillola di chiusura del tema a cura della nostra psicoterapeuta Laura Molinar


BIBLIOGRAFIA

E. H. Erikson Gioventu e crisi identità. Armando Editore 1980. 

M. Ammaniti Adolescenti senza tempo. Raffaello cortina editore 2018

M. e N. Ammaniti  Nel nome del figlio. Mondadori. 2010.